Nutraceuticabioch.: Il consumo moderato di alcol è associato ad una maggiore fertilità maschile

La questione se l’assunzione di alcol influisca o meno sulla riproduzione maschile è controversa. 

In un nuovo studio di andrologia, l’assunzione moderata di alcol è stata associata ad un più alto volume dello sperma, concentrazione e conteggio totale degli spermatozoi.

Nello studio di 323 pazienti uomini il 9,6% erano astemi, il 30% beveva < 1-3 unità alcoliche, il 30,3% beveva 4-7 unità e il 30% beveva una quantità maggiore e uguale di 8 unità alcoliche a settimana (1 unità= 125 ml di vino o 330 ml di birra o 30 ml di alcolici, tutti contenenti circa 12,5 grammi di etanolo).

Rispetto agli uomini che bevevano < 1-3 unità alcoliche a settimana, il volume dello sperma medio così come la quantità totale di sperma era più alto nel gruppo che consumava 4-7 unità a settimana, anche l’associazione con la concentrazione di spermatozoi era significativa con una tendenza a U nei gruppi di assunzione di alcol.

”Per quanto riguarda il basso consumo i nostri risultati sono coerenti con le altre ricerche: in Italia, il consumo di alcol è comune ma di solito, limitato in piccole quantità, e questo vale in particolare per gli uomini che fanno riferimento alla nostra clinica per l’infertilità”, ha affermato Elena Ricci, della Fondazione IRCCS Ca’ Grande Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, ” Poiché una quantità elevata è tossica si consiglia di limitarne la quantità, ma non evitare l’alcol”.

Moderate alcohol intake linked with improved male fertility

Variabilità nell’assunzione di alcol e sperma, analisi trasversale di uno studio prospettico di coorte in uomini, condotto da una clinica per la fertilità

L’associazione fra il consumo di alcol e la funzione riproduttiva è controversa. Nell’ambito di uno studio prospettico di coorte, progettato per indicare la relazione tra stile di vita e fertilità, si è eseguita un’analisi trasversale sulla quantità di sperma.

Uomini di coppie sub-fertili che fanno riferimento all’unità di fertilità italiana e che hanno diritto alle tecniche di riproduzione assistita ARTs, sono stati intervistati sul loro stile di vita: BMI, fumo, assunzione di caffeina, attività fisica durante il tempo libero e l’assunzione giornaliera di calorie, con la procedura ARTs si è determinato il volume dello sperma, la motilità, la concentrazione e il numero totale di spermatozoi.

Tra il 9 settembre 2014 e il mese di dicembre del 2016, si sono analizzati 323 pazienti maschi con età media di 39,9 anni, 31 di essi pari al 9,6% erano astemi e 97 pari al 30% assumevano più di 8 unità alcoliche a settimana. Rispetto agli uomini che bevevano < 1-3 unità/settimana, il volume medio dello sperma era più alto nel gruppo 4-7 unità/settimana così come il numero di spermatozoi. Anche l’associazione con la concentrazione di spermatozoi era significativa con una tendenza a U nei gruppi di assunzione di alcol.

Dopo essersi adeguati ai potenziali confondenti come età e fumo, queste relazioni sono state confermate dai risultati scientifici e modelli simili sono stati osservati in sotto gruppi con attività fisica dello stesso livello e con gli stessi fattori di rischio per l’infertilità, anche se queste stime spesso mancavano di significatività statistica, forse per la bassa dimensione del campione.

In conclusione un consumo moderato di alcol sembra avere un’associazione positiva sulla qualità dello sperma nei partner maschili di coppie infertili sottoposti ad ART.

Circa il 15% delle coppie in età fertile, è affetto da problemi di fertilità e i fattori maschili sono il 30% dei casi, una metanalisi recente di tutti i dati ha mostrato un calo del 32% della concentrazione spermatica negli uomini europei negli ultimi 50 anni.

Nella maggior parte dei casi la qualità dello sperma sub – ottimale, è idiopatico senza compromettere la spermatogenesi, influenzata da fattori ambientali e abitudini di vita, hanno un ruolo i fattori genetici ed endocrini, fumo, sovrappeso, attività fisica, fattori dietetici e alcol, anche se le prove non sono sempre coerenti.

C’è un’associazione negativa tra assumere alcol e qualità dello sperma, anche se molti studi non confermano questo risultato, secondo una metanalisi di 15 studi trasversali, il consumo occasionale non influenza in modo negativo le variabili dello sperma e c’è un’associazione negativa tra l’alcol assunto ogni giorno e il volume dello sperma o la morfologia normale degli spermatozoi, tuttavia tutti questi fattori sono difficili da controllare per la presenza dei fattori confondenti come il fumo e l’età.

Lo studio riguardava l’analisi dei dati delle abitudini alimentari e della dieta sulle tecniche di riproduzione assistita ARTs, nelle coppie infertili italiane in base all’assunzione di alcol e alle variabili dello sperma.

Le coppie sono state intervistate il giorno di recupero degli ovociti, durante il quale si è raccolto e analizzato lo sperma prima della fecondazione in vitro IVF o dell’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi ICSI.

Questionari standard per ottenere informazioni sulle caratteristiche socio-demografiche, sulla storia personale, salute e abitudini come fumo, attività fisica, assunzione di alcol e di bevande con metil xantine per esempio la caffeina del caffè, questionari di frequenza FFQ sul consumo di cibo settimanale usuale nell’ultimo anno, sui principali gruppi alimentari come le fonti di grassi animali, frutta e verdura, pane, pasta, dolci, cioccolata, pesce e bevande, le assunzioni più basse almeno 1 volta a settimana sono state indicate con 0,5/settimana e si è considerato il consumo stagionale, dalla banca dati inoltre sono state stimate le vitamine, minerali, energia e macro e micronutrienti assunti.

  • BMI secondo le indicazioni OSM;
  • ridotta fertilità per chemioterapia, malattie o interventi nell’apparato riproduttivo;
  • fumo di sigaretta attuale o pregresso e numero di sigarette;
  • caffeina dal caffè 60 mg, dal cappuccino 75 mg, dal tè in tazza 45 mg, dal caffè decaffeinato 4 mg e dal cioccolato 6 mg;
  • attività fisica pesante, leggera e moderata in ore a settimana;
  • calorie dal questionario di frequenza;
  • consumo abituale settimanale di alcol, 1 unità alcolica = 125 ml di vino= 330 ml di birra, 30 mg di alcolici, tutti con 12,5 grammi di etanolo, l’assunzione settimanale minore di 1 è stato indicato come 0,5.

L’incoerenza dei nostri studi con quelli precedenti che indicavano la qualità spermatica come concentrazione e numero totale negativamente associati al consumo di alcol, è dovuto al modo diverso di categorizzare il consumo di alcol e le diverse abitudini, nel campione analizzato, il consumo era relativamente basso infatti il 90% dei partecipanti, affermava che consumava alcol e circa 1/3 di essi ne assumeva non più di 3 unità a settimana e 1/3 non più di 7 unità nello stesso periodo di tempo.

L’effetto positivo del vino e della birra è dovuto alla quantità dei polifenoli resveratrolo e  xanthuminolo, l’alcol è dannoso per il sistema riproduttivo maschile perchè interferisce con le funzioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-testicolare, compromettendo la secrezione di gonadotropine con conseguente diminuzione del testosterone.

Nello studio il consumo era moderato e gli effetti dannosi dell’alcol sono stati  bilanciati dall’aumento dei livelli di testosterone e dalla protezione cellulare dei polifenoli.

Il limite dei risultati erano diversi tra cui lo studio condotto solo sulle coppie infertili e il consumo di alcol auto segnalato, per cui ci possono essere degli errori di classificazione, i punti di forza erano il campione ampio, la partecipazione completa, l’intervista eseguita dallo stesso personale.

L’assunzione di alcol non è stato negativamente associato alla qualità dello sperma ma è stato osservato un volume più alto negli uomini con 4-7 unità alcoliche.

Moderate Alcohol Consumption May Boost Male Fertility

Letture consigliate:

Un bicchiere di vino al dì migliorerebbe fertilità maschile

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...